Mission and History
Lalineabiancastudio, founded and directed by Rosario Marrocco, works in Berlin, Rome and Syracuse. It is composed of: Centre of development and interdisciplinary scientific Research, professional Studio of architectural and urban design, Centre of Research, culture and formation on space and architecture. According to the philosophy of lalineabiancastudio, the research is the cornerstone of any design action. Lalineabianca carries out a Research program for the space for man project, which involves the joined action of architect, psychiatrist and psychologist. Lalineabiancastudio was born in Rome with the aim of developing interdisciplinary and scientific Researches, Projects and Researches of Architecture and urban design, design and communication projects, projects and educational proposals on topics related to the  space and architecture, and cultural projects. Lalineabiancastudio works also in Berlin and Syracuse.
Philosophy

Fabricae: lalineabiancastudio fabrica tribus modis actuosa est: PRIMA FABRICA, labore ac studio usa, ad rerum progressus obtinendos scientiae pervestigatione inter varias disciplinas, intendit. SECUNDA, labore ac studio usa, ad rerum progressus obtinendos doctrina cum artibus permiscenda intendit. TERTIA, labore ac studio usa, ad rerum progressus obtinendos vita instituenda atque artium professione exercenda intendit
Latino   Ελληνικά   English   Deutsch   Español    हिन्दी    Shqip   Pусский    فارسي   Magyar  Italiano
Contact

Info: info@lalineabiancastudio.com
Secreteriat: segreteria@lalineabiancastudio.com
Works and Collaborations: direzione@lalineabiancastudio.com
Press Review: ufficiostampa@lalineabiancastudio.com

 

  Last update January 2017

 
Architecture
School in Seriate, Italy
Project Direction: Rosario Marrocco and Katia Micaela Toscani

 
Housing and public space
in Barcelona, Spain
LALINEABIANCASTUDIO'S PROJECT
Project Direction: Rosario Marrocco
The functional and spatial distribution of the housing has been thought up following an idea of total space. A space which is not only inhabited, but is thought up and adapted by the inhabitants. The habitat follows the process of social transformation, the perpetual and rapid changes of the inhabitants, and of the changes in the models and structures of the families. The planimetrical arrangement of the housings has been thought of, considering also the possibility of varying the dimensions of the housings, or should one say, aggregating more than one housing, or dividing the existing ones making them smaller. The structure, arranged according to a grid of 7 meters, is totally free from the perimeter of the inhabited space, emphasising spatial freedom.

The system considered to be the one for the functional subdividing of the housings is that of mobile light-weight walls (except for the kitchen and bathroom) thus allowing the maximum distributive flexibility, and the change to create a habitat totally free of walls, and susceptibility to modifications related to the different needs of the inhabitants. As far as size is concerned, the housing vary (also considering the duplex) from a minimum of 50 square metres to a maximum 120 square metres. Public spaces are characterised by a multiple of different spaces, a following of heterogeneous aggregated spaces, each with its own formal valence and functional autonomy. Space is thought of as being a large open-air theatre, with different scenes, defined scenery, spaces for living and for interpreting each time in a different way.

Study center and library
near Bologna, Italy

Biblioteca e centro studi
nei pressi di Bologna

LALINEABIANCASTUDIO'S PROJECT
Project Direction: Rosario Marrocco
The project represents the culture through the excavated volume that becomes metaphor of knowledge composition by parts. The natural contest -during the urbanization phase- exalts the power of the material white and allows the architecture disposition in a peaceful and austere place, within the spatial stereometric becomes entity that must be perceived and functional center. The reading-hall, double-high, faced south-east, allows the light capture inwards through a mechanic device of light reception. The northerly entrance, signed by a excavation, introduces to the study-center directly. The volume recalls a natural artificiality becoming at the beginning space then place.

Il progetto rappresenta la cultura attraverso un volume scavato che diventa metafora della composizione del sapere per parti. Il contesto naturale in fase di urbanizzazione esalta la potenza del bianco materico e consente la disposizione dell’architettura in un luogo silenzioso e austero, all’interno del quale la stereometrica spaziale diventa entità da percepire e centro funzionale. La sala lettura a doppia altezza posta a sud-est permette la captazione di luce all’interno attraverso un dispositivo meccanico di ricezione della luce. L’ingresso a nord, segnato da uno scavo, introduce direttamente al centro studi. Il volume rievoca una artificialità della natura divenuta prima spazio e poi luogo 

Family tombs and niches
Tombe di famiglia e loculi

LALINEABIANCASTUDIO'S PROJECT
Project Direction: Rosario Marrocco

In the Christian theological meaning, the terrestrial life is considered the Cosmos or part of it. In order to brig back to the physical and to the human being finiteness, and to the soul and spirit eternity, the existing structure pictures itself through its symbolic representation, that becomes sacral structure, death allegory and memory sign. The architecture becomes time and Space-time expression, where the “not-more-human being”representation joins itself with its terrestrial existence representation. The project hypothesizes a memory space capable to build itself as “place of the eternal rest” (considered the christian root of the sacral, ritual and architectural event) In the project the time becomes axis and cursor of space and functional event development that is ritualized there. That is to say, no more a structure thought for the family, but a structure capable to represent the memory and the person history, and so the society, place, contextual life history. A kind of shrine that gives its military halo to a more appreciate popular daily.
La vita terrena nell’accezione teologica cristiana è considerata il Cosmo, o appartenente ad esso. Per ricondurre alla fisicità e alla finitezza dell’essere, e all’eternità dell’anima e dello spirito, la struttura dell’esistenza si raffigura attraverso la sua rappresentazione simbolica, che diventa struttura sacrale, allegoria della morte e segno della memoria. L’architettura diventa espressione del tempo e dello Spazio-tempo, laddove la raffigurazione del “non più uomo” si fonde con la rappresentazione della sua esistenza terrena.
Il progetto ipotizza uno spazio della memoria in grado di costituirsi “luogo del riposo eterno” (considerata la radice cristiana dell’evento sacrale, rituale e architettonico).  Il Rapporto spazio-Tempo nel progetto. Il tempo nel progetto diventa asse e cursore dello svolgimento dello spazio stesso e dell’evento funzionale ivi ritualizzato. Vale a dire, non più una struttura unicamente pensata per i familiari, ma una struttura in grado di rappresentare la memoria e la storia della persona, e quindi della società, del luogo, della vita contestuale. Una sorta di sacrario che devolve la sua aura militare ad una ben più apprezzata quotidianità popolare.
 

 

 


Research
 

Conference
ARCHITECTURE AND PHILOSOPHY
rchitecture and Philosophy.
The Physical space as representation
of Finite and Infinite. Dialogue between
Rothko, Schelling, Barragàn, Kahn e Piranesi
SYRACUSE, NATIONAL INSTITUTE ANCIENT DRAMA, NOVEMBER 2011
LALINEABIANCASTUDIO WITH
COLLEGIO SICILIANO DI FILOSOFIA
UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI CATANIA FACOLTA' DI ARCHITETTURA
FONDAZIONE ISTITUTO NAZIONALE DRAMMA ANTICO


The thesis through is possible dialogue between authors temporally distinct found its reasons in Physical Space understood as the place where material and Spirit, Finite and Infinite meet together through the construction of spaces represented by the Architecture. It is possible read and explain the phenomenons in a transverse and interdisciplinary way, to understand the reasons differently. And among this phenomenons, there are the history and the events of man, collected together in an aura of contemplation and infinite solitude.
The Rothko’s space, as the Barragàn, Kahn and Piranesi’s ones, expresses the dialectic between Nature and Spirit, Finite and Infinite, that is on the center of the Schelling’s research. The spaces of Rothko, the built color of Barragàn, the absence of weight in the mighty architectures of Kahn, place one-selves in a hermeneutic infinite circularity, where the far glance that brings to Schelling permits us to read the present through the myth and the mind.


 

Conference
THE RELATION SPACE-CHILD.
The space and the educational architecture
as first place of external world
SYRACUSE, VERMEXIO PALACE, BORSELLINO ROOM, NOVEMBER 2011
LALINEABIANCASTUDIO WITH
UNICEF (SR) | ASSEMBLEA REGIONALE SICILIANA | COMUNE DI SIRACUSA
FONDAZIONE FIDAPA | CONI (SR)
SPONSORSHIP
MINISTERO DELL'AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE


The space and the educational architecture as first Place of external world” is the theme of introductory day, dealt by the architect Rosario Marrocco, in the belief that the educational space must be renovated and re-thought in a new relations system of modern society and in the relation of individual with his autonomous growth.
The thesis proposed reconsiders the real value (relational and pedagogic) of the space and of educational architecture, reading the “Schoolroom place” in the light of new relation and functional values, reconnected to the mental and physical structure and re-thought on the problems of different psycho-physical abilities.
The Study-week plans meetings and workshops on spaces and in the strategic places for the child growth and education, that are “measured” with the future development represented by the children. The focus are centered in: the space and the educational architecture (on 14 November), spaces and culture and history places (on 15 and 20 November), places and natural environments
(16 November), sport-places (on 17 November) and institutional places (on 19 November).


  Research
SPACE & AUTISM.
The space and the therapeutic architecture: models and formative spaces projects
In according with recent estimates, the autism and the other pervading growth disorders (cf. section F.84 of classification ICD 10, OMS 1992) are a mental handicap with a frequency in the population of 1/1000 The autism is considered, by the international scientific Community, as “Growth Disorder”, that undermines the natural child growth with different intensity and in different cognitive areas. The autism is characterized by: 1) disorder of communication area; 2) disorder of social integration;
3) disorder of imaginative activity; 4) consequent serious learning and school introduction difficult. The autism appear at birth or during the infancy and it goes on for the rest of one’s life.
THE RESEARCH, THE PROJECT. MACRO-STRATEGIES AND OBJECTIVES OF THE PROJECT
It is necessary and indispensable not only to improve the quality of school education through specific pedagogical strategies, but also to define a precise method of design approach based on conceptual models, structured according to the analysis parameters addressed to the "Structure of space", which are aimed to geometry and shape. This research therefore aims to provide conceptual models of educational spaces, starting from the analysis of parameters related to Geometry and form, delving into the nature and structure of the place and the relationship between space and time. The aim is to provide a therapeutic space through an "architectural support" in the educational interventions, aimed at achieving the best possible degree of autonomy and communication skills, social and relational autistic children.

 

 



 

Research, Exhibition and Performance
THE ELECTRONIC ARCHITECTURE.
Music, voices and representation
The electric voice. Mind Dream

ROME, ACCADEMIA BELLE ARTI, SALA DEL COLLEONE, NOVEMBER 2011
LALINEABIANCASTUDIO WITH

MUSICA EXPERIMENTO
ACCADEMIA DI BELLE ARTI DI ROMA (CATTEDRA SOUN DESIGN)
FEDERAZIONE CEMAT - ENTE DI PROMOZIONE

Lalineabiancastudio and Musica Experimento with the collaboration of Accademy of Art of Rome - Sound Design Chair, Cemat Federation - promotion Agency, in range of The Electric Voice - performance for bass voice, electronic, imagines, presents MinD DreaM
(Enrico Cocco / Rosario Marrocco) premiere with video version. A vocal stage for bass voice, electronics, video-images. Nicholas Isherwood bass/baryton, Angelo Benedetti electronic interpreter.
MIND DREAMD
Enrico Cocco and Rosario Marrocco present the new version of Mind Dream oeuvre in Rome,
in the first absolute execution with the video and imagines Representation,
together in a work-in-progress that deals the metamorphosis theme relate to the city as proliferation and languages-change place, subdivided in three scenes: Metamorphosis the dream of other-than-self , Descend to infinite the transgression-beyond the dream, The City and the Tower the plural language and the imaginary cities, with an extensive reference to literary and urban themes (Ovid, the Bible - Babel, Calvin…). Once more it leaves again from dreams, that take bizarre, incongruent, hard-to-accept shapes that live in us, produced by our turbulent and impertinent mind (...beasts imagines...). The dreams as Imagines, product of our I and of superimposed Es projections. Narrated imagines that draw an other, temporal and physical dimension, where the Time isn’t the death, but the distance between the Things, and where the physical isn’t in the body but in its possible interpretation and appropriation. Imagines on move that reduce or increase the distances between our Be and the our Be in. Imagines as product of a mental product, of a dream mind, that elaborates and represents its not-History in the narrative movement. A not-history, signs babel, of extreme “to-dream-meanings”, that reassume in itself the perversion of the language and of the body as imaginative and transformation moment, transgressive and cruelly real in a match between the time and the machine ( that is the death). “...we tried to disassemble the city and to rise to the machines matrix...”, in order to re-think to the time also through its re-cycling. A vocal stage place of action in the infinite representations and voice metaphors. A set of imagines and drawings, and actions and movements, to be control in a hermeneutic circularity, result and time of a mental season. The piece is written and dedicated to Nicholas Isherwood, commissioned by Centre Henri Pousseur, Liège, Belgium.




 
Training
Seminary of Architecture and
interdisciplinary
Seminari di Architettura e
interdisciplinari

Under the patronage of / Con il patrocinio di

Roma, Lalineabiancastudio promuove e organizza dei Seminari di Architettura e interdisciplinari, che avranno inizio dal gennaio 2012. Il primo Seminaro di Studi è dedicato al rapporto tra Architettura e Psicologia.


I. Architecture and Psychology:
the house

SEMINARS OF STUDY
ROME, January - December 2012
UNDER THE PATRONAGE OF
ORDINE DEGLI ARCHITETTI DI ROMA E PROVINCIA
THE LIFE SPACE OF THE HOUSE is one of the most significant expressions of the relation man-space. The architecture of the house for man is synthesis of creative intuition, scientific rigour, methodology and knowledge. DURING THE SEMINARS the relationships between architecture, perception, emotion and behaviour ARE OBSERVED AND ANALYZED IN AN INTERDISCIPLINARY LEVEL. THE ARCHITECTURE AND THE HUMAN SCIENCES bring back the man at the centre of a space thought and built not only through structure shape function, but also through perception, emotion and relation. THE OBJECTIVE is to pass data and notions, also through experimentation for a planning principle that includes as well as the shape and the function, also the perception, the behavioural and relational structure of the man, and so understand how the space affects on the psyche
I. Architettura e psicologia:
la casa

SEMINARI DI STUDIO
ROMA, Gennaio - dicembre 2012

CON IL PATROCINIO DI
ORDINE DEGLI ARCHITETTI DI ROMA E PROVINCIA

LO SPAZIO DI VITA DELLA CASA è una delle espressioni più significative del rapporto uomo-spazio. L’architettura della casa per l’uomo è sintesi di intuizione creativa, rigore scientifico, metodologia e conoscenza. NEI SEMINARI SI OSSERVANO E SI ANALIZZANO A LIVELLO INTERDISCIPLINARE i rapporti tra architettura, percezione, emozione e comportamento. L’ARCHITETTURA E LE SCIENZE UMANE riportano l’uomo al centro di uno spazio pensato e costruito non solo attraverso struttura forma funzione, ma anche attraverso percezione, emozione e relazione. L’OBIETTIVO è quello di trasmettere dati e nozioni, anche attraverso sperimentazioni, per un principio progettuale che comprenda oltre la forma e la funzione, anche la percezione, la struttura comportamentale e relazionale dell’uomo, e quindi capire come lo spazio influisce sulla psiche.



II. The House, the interior design,
and the furnishing

The space for man.
The spaces of the house
among light, colour, substance
psychology and philosophy
SEMINARS OF STUDY
ROME, January - December 2012
UNDER THE PATRONAGE OF
ORDINE DEGLI ARCHITETTI DI ROMA E PROVINCIA

The study of the interior space and the interior design must be faced with methodology, scientific rigor, and creative intuition. The design of the space for man needs of creative actions conducted with culture, method, sensitivity and rigor. The project of interior design - besides the technical and projectual competencies - requires: the study of the relations between man and space; the ability to see and to interpret locations and spaces in which the man lives and with which he relates himself; the knowledge of the concepts of personal space and relational space; the study of the perception of the space; the study of light, colours, substance, dimension and proportion; the study of the technologies that allow the environmental sustainability.

II. La Casa, l'architettura di interni
e l'arredamento

Lo spazio per l'uomo. Lo spazio della casa
tra luce, colore, materia
psicologia e filosofia

SEMINARI DI STUDIO
ROMA, Gennaio - dicembre 2012

CON IL PATROCINIO DI
ORDINE DEGLI ARCHITETTI DI ROMA E PROVINCIA

Lo spazio di vita della casa è una delle espressioni più significative del rapporto uomo spazio. Le variabili che definiscono l’Architettura della casa per l’uomo sono sintesi di intuizione creativa e rigore scientifico, metodologia e conoscenza. I seminari trattano di spazio, filosofia e psicologia della casa, luoghi della casa, spazio personale e spazio relazionale, percezione dello spazio, luce, colore, materiali, dimensione e proporzione


 
III. Integrated design
Architecture and Psyche

The space for man between Architecture
Psychology and Psychiatry

SEMINARS OF STUDY
ROME, January - December 2012
UNDER THE PATRONAGE OF
ORDINE DEGLI ARCHITETTI DI ROMA E PROVINCIA

Architecture and psyche study the relationship between physical space and mental space. The relationship between Architecture, mind and perception becomes object of study for a planning methodology. Architect, psychiatrist and psychologist contribute to the definition of the space. The course and the seminars discuss the physical space and mental space, philosophy and psychology of living (identity of house, personal space and shared space, empathy and house, perception of the space, light, colour material, dimension, proportion.
III. Progettazione integrata
architettura e psiche

Lo spazio per l'uomo tra Architettura,
Psicologia e Psichiatria

SEMINARI DI STUDIO
ROMA, Gennaio - dicembre 2012

CON IL PATROCINIO DI
ORDINE DEGLI ARCHITETTI DI ROMA E PROVINCIA

Architettura e Psiche studia il rapporto tra lo spazio fisico e lo spazio mentale. La relazione tra Architettura, mente e percezione diventa oggetto di studio e base per una metodologia  progettuale. Architetto, psichiatra e psicologo concorrono alla definizione dello spazio. I seminari trattano di spazio fisico e spazio mentale, filosofia e psicologia dell’abitare, identità della casa, spazio personale e spazio condiviso, empatia e casa, percezione dI spazio, luce, colore materia, dimensione e proporzione.


 
IV. Project for mental health
and community spaces

The design of Communities, therapheutic
and rehabilitative spaces

SEMINARS OF STUDY
ROME,January - December 2012
UNDER THE PATRONAGE OF
ORDINE DEGLI ARCHITETTI DI ROMA E PROVINCIA

Recent studies conducted by professionists of the space building and menthal health have hypotesized that the physical space, in which the rehabilitative or the maintaining therapies take place, has an impact on the therapeutic process and on its outcome. The goal of the architect is to realize a space for the man who lives in it, believing that architecture can participate as a potential instrument in the therapeutic and healing process.
IV. Progettazione di spazi
per la salute mentale e comunitari
Il progetto delle Comunità, degli spazi
terapeutici e della riabilitazione

SEMINARI DI STUDIO
ROMA, Gennaio - dicembre 2012

CON IL PATROCINIO DI
ORDINE DEGLI ARCHITETTI DI ROMA E PROVINCIA

Il Progetto per l’Uomo e il Design Psychoenvironmental. Il riferimento progettuale è il benessere per l’uomo, nella convinzione che l’architettura possa agire come potenziale strumento terapeutico. L’obiettivo è quello di realizzare spazi di vita che interagiscano con l’utente, diventando un riferimento costante nella sua giornata e delle sue attività, in termini funzionali, percettivi, dimensionali, estetici e di comfort. I seminari trattano delle relazioni tra spazio e attività, architettura e funzione, colore, luce e materiali, dimensioni e proporzioni, arredi ed estetica.
 
 

summary
December 2012
culture design and communication / cultura design e comunicazione

 
Lalineabiancastudio design and communication
The project of the new Logo of the Chamber of Psychologists of Lazio
ROME, October 2011
EXTRACT FROM PROJECT RELATION
The iconographic structure metaphorizes the greek letter PSI as opening and birth of contemporary psychology through the development of its own matrix, it is linear and distinct graphically in two parts that send again to the Freudian ‘I’ and ‘ES’ . The Psychology term derives from Greek psychè (spirit and soul) and logos (speech and study). The semantic analysis brings psychology back to the spirit or soul study, until to arrive to the science of the mind of Wundt and Brentano. The psychologists logo is designed in order to configure transformative processes of the human psyche, the regeneration, the Jungian introversion and extroversion, gathered within a symbol that can become icon of Science of the Mind.

Lalineabiancastudio design e comunicazione
Il Progetto del nuovo Logo dell'Ordine degli Psicologi del Lazio
ROMA, Ottobre 2011
ESTRATTO DALLA RELAZIONE DI PROGETTO
La struttura iconografica metaforizza la lettera greca PSI come apertura e nascita della psicologia contemporanea attraverso lo sviluppo della sua stessa matrice, graficamente lineare e distinta in due parti che rimandano all’IO e l’ES freudiano. Il termine Psicologia deriva dal greco psyché (spirito e anima) e logos (discorso, studio). L’analisi semantica quindi riconduce la psicologia allo studio dello spirito o dell’anima, fino ad arrivare alla scienza della mente di Wundt o Brentano. Il Logo degli Psicologi è progettato per configurare i processi trasformativi della psiche umana, la rigenerazione, l’introversione e l’estroversione junghiana, raccolti all’interno di un simbolo che può diventare icona della Scienza della Mente.
 
Lalineabiancastudio's documentary
The space from above between architecture and psyche
ROME June 2011
EXTRACT FROM SYNOPSIS
A work inspired to spaces imagined and lived by young people who live with neuropsychiatric pathologies and dedicated to their capacity to live and imagine their places. The characters invented in the documentary, through their voices, describe real spaces and psychic spaces, created through time, light and color. They draw surfaces, they model curves, they think about stairs, steps, and big vases of flowers. Their words become de-signs that write the history of the space where incredibly everything finds its own place and meaning, as if someone from above would have allowed them to fly. The aim of this documentary is to do reflect on construction of psychic spaces and rithought this ones from the man who lives in it

Lalineabiancastudio documentario
Lo spazio dall'alto tra architettura e psiche

ROMA Giugno 2011
ESTRATTO DALLA SINOSSI
Documentario d'autore prodotto da lalineabiancastudio. Un'opera ispirata agli spazi immaginati e vissuti da giovani che vivono con patologie neuropsichiatriche, e dedicata alla loro capacità di vivere e immaginare i loro luoghi. Le protagoniste inventate nel documentario, attraverso le voci, descrivono spazi reali e spazi mentali, creati attraverso il tempo, la luce e il colore. Disegnano superfici, modellano curve, pensano scale, gradini e grandi vasi in fiore. Le loro parole diventano disegni che scrivono la storia del loro spazio dove tutto incredibilmente trova posto e significato, come se qualcuno dall’alto avesse concesso loro di volare. Lo scopo di questo documentario è quello di far riflettere sulla costruzione degli spazi psichici e ripensare gli stessi a partire dall’uomo che li abita

activities/attività
Last update December 5th 2012
research/ricerca-education/formazione-architecture/architettura-culture/cultura
FRANCESCO BRUNO
Psychiatrist, Criminologist
Sapienza University of Rome
(Part of Relation)
Space is an anthropological interface of individual relationship between internal and external, so we understand very well as psychotics, tend not to be in a pathological control of space. The space is a category useful for the explanation of certain failed developments of the psychic relationship between the ego and the world. For Jung the house, then the personal space, has a valence intra - psychic, is a great symbol, delicate, subjective so the man is related to surfaces and objects, in the way he relates to the houses. Living is a further state that spatializes itself, outside of the establishment of different relationships and are designed to give fullness to the meaning of existence, it embodies a membership of several places and circumspections of being and acting of the unfolding of human life. And the living is at the bottom of the deepest meaning of ecumenism, namely, that reality which tends to spread to all human beings, a very large part of human beings.
Lo spazio è un interfaccia antropologico del rapporto individuale tra interno ed esterno, per cui si capisce molto bene come gli psicotici, tendono a non avere in maniera patologica il controllo di spazi. Lo spazio è una sorta di categoria utile alla spiegazione di taluni non riusciti sviluppi del rapporto psichico tra l’Io e il mondo. Per Jung la casa, quindi lo spazio personale, ha una valenza intra - psichica, rappresenta un grande simbolo, delicato, soggettivo per cui l’uomo si rapporta alle superfici e agli oggetti, nel modo con cui si rapporta con le case. Abitare è uno stato ulteriore che si spazializza, esternandosi nella costituzione di rapporti diversi e finalizzati a dare pienezza al senso dell’esistenza; esso si incarna all’appartenenza di una serie di luoghi e circospezioni di essere e agire del dispiegarsi della vita umana. E l’abitare è in fondo il senso più profondo dell’ecumene, ovvero, di quella realtà che tende a diffondersi a tutti gli esseri umani, a grandissima parte degli esseri umani.

ORAZIO CARPENZANO
Architect, Sapienza University Rome
(Part of Relation)
The architect in charge of discipline seriously - he knows that has to plan to extend the possibility that the man has to live in its habitat. That should make the man way of living better. Even through artifacts. But this is a necessary but not sufficient. The architect has another task, which is to extend the cognitive dimension of space. Through architecture we have learned to see more, see more and better, sometimes worse.
L'architetto che si occupa seriamente della sua disciplina - sa benissimo che deve progettare per estendere le possibilità che ha l’uomo di vivere nel suo habitat. Cioè deve rendere migliore il modo in cui l’uomo vive. Anche attraverso degli artefatti. Ma questo è una condizione necessaria ma non è sufficiente. L’architetto ha anche un altro compito, che è quello di estendere anche la dimensione cognitiva dello spazio. Attraverso l’architettura noi abbiamo imparato a vedere di più, a vedere di più e meglio, delle volte anche peggio.

 
Foto C.Pontoriero © 2011
     
  Lalineabiancastudio - Conference on House and Community
The architectural project for the mental health. For a therapeutic architecture
Rome, July 12th 2011 - House of Architecture at the Acquario Romano
Lalineabiancastudio - Conferenza Casa e Comunità
Il progetto architettonico per la salute mentale. Per un’architettura terapeutica

Roma, 12 luglio 2011 - Casa dell'Architettura all'Acquario Romano
Con il patrocinio di / Under the patronage of


SCIENTIFIC DIRECTION: Alessandra Ciolfi, Josè Mannu, Rosario Marrocco INFORMATION direzione@lalineabiancastudio.com
BOOK To be published
  DIREZIONE SCIENTIFICA: Alessandra Ciolfi, Josè Mannu, Rosario Marrocco INFORMAZIONI direzione@lalineabiancastudio.com
ATTI In corso di pubblicazione


RATIONAL (Rosario Marrocco, Architect)
THE IDENTITY OF THE MAN IN THE SPACE
To build the house space means to build the space at which the man, bringing back himself, gives back his identity. The house is the narration of the mental space through the physical space, that is a third place where those two meet themselves and co-exist in symbiosis. All the Things that live the space are self-citations that the man uses to represent the world and to represent himself to the world. The relation that the man sets up with the space is always auto – referential, that is the world objectively perceived is always subjectively translated. Also in the modern space the man is at the center, that is at the origin of a tridimensional space, because all the Things that live in that space are in relation with him. One of the principles that regulates the reception of the external world is the relation that the subject sets up with the complex system of connections among the things that live in the space. An active relation in which the space is not absolute but relative to the subject. The spatial objectivity so is revealed through the subjective reception. Then we have an objective space made subjective. This space is characterized by the geometric process started in the three dimensions, at which original point is put the subject. The concept of geometric space, traditionally read as controlling space and hostile, artificial and unnatural, is reconsidered as the space necessary for the man. A space that does not control anymore, but a space that is measured and controlled by the man, and that is lived by his active and moving exploration. The coincidence of the spaces, geometric and lived, it is now given as a possible coincidence, from which that third space is born, put in between external and internal world, objectivity and subjectivity


RATIONAL (Josè Mannu, Psychiatrist)
FOR THE CONSTRUCTION OF A RELATION THAT CURES
The construction of a space for the psychosis has always been a controversial topic in the face of a illness that characterizes itself, among the other things, for a remarked social isolation. The idea of Ronald Laing, famous English psychiatrist that with David Cooper has represented and sustained the ideas of the anti-psychiatry, was that the schizophrenic person needed a place in which he could express his entire personality. Franco Basaglia, the reformer of the Italian psychiatry – on the contrary – sustained that the identification of a space inevitably would have conducted to a state of chronicity. Basaglia used to say that there are not ideal spaces in which the personality of the people affected by psychosis could be expressed: every place is not a niche but inevitably it transforms itself in a cage. We do think that both of them were wrong and right at the same time. The places of the psychosis are chronicized, but not the places in itself as the relations that take place with them and that end up becoming a cage from which it is impossible to escape. But those places are also the mirror of the person and of his difficulties and if we manage to dialogue even with those spaces we can build something different. And so in the psychic sufferance not only the interaction between private space and public place becomes fundamental, but also the identifying definition of the spaces that have to be different and the sustaining of them has to be structured in a diversified way.

 
RATIONAL (Rosario Marrocco, Architetto)
L’IDENTITA’ DELL’UOMO NELLO SPAZIO
Costruire lo spazio della casa significa costruire lo spazio al quale l’uomo, riportando sé stesso, consegna la sua identità. La casa è la narrazione dello spazio mentale attraverso lo spazio fisico, cioè un luogo terzo dove questi si incontrano e coesistono simbioticamente. Tutte le Cose che abitano lo spazio sono delle autocitazioni che l’uomo utilizza per rappresentarsi il mondo e per rappresentarsi al mondo. Il rapporto che l’uomo instaura con lo spazio è sempre di tipo autoreferenziale, cioè il mondo oggettivamente percepito è tradotto sempre soggettivamente. Anche nello spazio moderno l’uomo risulta essere al centro, cioè posto all’origine di uno spazio tridimensionale, in quanto tutte le Cose che abitano lo stesso sono in rapporto a lui.Uno dei principi che regola la ricezione del mondo esterno è la relazione che il soggetto instaura con il complesso sistema di connessione tra le cose che abitano lo spazio. Una relazione attiva in cui lo spazio non è assoluto ma è relativo al soggetto. L’oggettività spaziale si svela dunque attraverso la ricezione soggettiva. Si determina così una spazio oggettivo soggettivizzato. Questo spazio si caratterizza nella geometrizzazione avviata nelle tre dimensioni, nel cui punto di origine è posto il soggetto. Il concetto di spazio geometrico, letto tradizionalmente come spazio del controllo e ostile, artificiale e innaturale, viene invece riconsiderato come lo spazio necessario all’uomo. Uno spazio che non controlla più, ma che viene invece misurato e controllato dall’uomo, e che viene vissuto nella sua esplorazione attiva in movimento. La coincidenza degli spazi, geometrico e vissuto, si dà ora come una coincidenza possibile, dalla quale nasce quello spazio terzo, posto tra mondo esterno e mondo interno, oggettività e soggettività

RAZIONALE (Josè Mannu, Psichiatra)
LA COSTRUZIONE DI UNA RELAZIONE CHE CURA
La costruzione di un luogo per la psicosi è sempre stato un argomento controverso a fronte di una malattia che si caratterizza, tra le altre cose, per un marcato ritiro sociale. L’idea di Ronald Laing, celebre psichiatra inglese che insieme a David Cooper ha rappresentato e sostenuto le idee dell’antipsichiatria, era che la persona affetta da schizofrenia aveva bisogno di un luogo in cui potesse esprimere tutta la sua personalità. Franco Basaglia il riformatore della psichiatria italiana sosteneva al contrario che l’identificazione di un luogo inevitabilmente conduceva a uno stato di cronicità. Non esistono luoghi ideali, diceva Basaglia, in cui la personalità della persona affetta da psicosi possa esprimersi, ogni luogo non è una nicchia ma inevitabilmente si trasforma in una gabbia. Noi pensiamo che un po’ hanno avuto torto entrambi e ragione entrambi. I luoghi della psicosi sono cronicizzanti di certo ma non i luoghi in sé, il rapporto che si instaura con essi che esita in una gabbia da cui non si esce. Ma quei luoghi sono anche lo specchio della persona e delle sue difficoltà e se si riesce a dialogare anche con quegli spazi si può costruire qualcosa di diverso. Ecco che nella sofferenza psichica l’interazione tra luogo privato e luogo pubblico diventa fondamentale ma non solo, la definizione identitaria di luoghi che debbono essere diversi e il sostegno quindi deve strutturarsi in maniera diversificata

RELATORS
IGNAZIO MARINO (Doctor Surgeon, Senator of the Italian Republic) CARLO CICCIOLI (Psychiatrist, Clinical Criminologist, Neurologist, Vice-President Social Affairs Committee Chamber of Deputies of the Italian Republic) AMEDEO SCHIATTARELLA (Architect, President Chamber of Architects of Rome) MARIO FALCONI (Doctor Surgeon, President Provincial of Rome Chamber of Doctors, Surgeon and Odontologist) MARIALORI ZACCARIA (Psychologist, President of Chamber of Psychologists of Latium) FRANCO PURINI (Architect, Sapienza University of Rome) FRANCESCO BRUNO (Psychiatrist, Criminologist, Sapienza University of Rome) VEZIO RUGGIERI (Psychologist, Sapienza University of Rome) ORAZIO CARPENZANO (Architect, Sapienza University of Rome) MASSIMO DI GIANNANTONIO (Psychiatrist, University of Study G.D’Annunzio, Chieti Pescara) GABRIELE POMPINETTI (President Communities Lilium, Italy) ANTONIO MAONE (Psychiatrist, Department of Mental Health ASL Rome/A) ROBERTO MALANO (Psychiatrist, Department of Mental Health ASL Rome/A)
RELATORI INVITATI
IGNAZIO MARINO (Medico Chirurgo, Senatore della Repubblica Italiana) CARLO CICCIOLI (Psichiatra, Neurologo, Criminologo Clinico, Vice Presidente Commissione Affari Sociali Camera dei Deputati) AMEDEO SCHIATTARELLA (Presidente Ordine Architetti PPC di Roma e Provincia) MARIO FALCONI (Presidente Ordine di Roma Medici Chirurghi e Odontoiatri) MARIALORI ZACCARIA (Presidente Ordine Psicologi del Lazio) FRANCO PURINI (Architetto, Sapienza Università di Roma) FRANCESCO BRUNO (Psichiatra, Sapienza Università di Roma) VEZIO RUGGIERI (Psicologo, Sapienza Università di Roma) ORAZIO CARPENZANO (Architetto, Sapienza Università di Roma) MASSIMO DI GIANNANTONIO (Psichiatra, Università degli Studi G. D’annunzio, Chieti Pescara) GABRIELE POMPINETTI (Presidente Comunità Lilium) ANTONIO MAONE (Psichiatra, DSM ASL Roma/A) ROBERTO MALANO (Psichiatra forense, DSM ASL Roma/D)




AMEDEO SCHIATTARELLA
President Chamber Architects Rome
(Part of Relation)
I consider the architecture a great discipline of synthesis, then a discipline where interact factors that are related not only with the scientific technicality of the statics, rather than of the plant design. The act of planning is an answer. An answer to a mental condition of the man, who has the need to solve some themes. These can be on a different scale, from the simple need for protection, for recover, for conceal oneself, of protect oneself in the artificial cave, to the research of the divine, in same way looking for a superhuman dimension, that is the architecture that belongs to God. That architecture with the capital “A”, the celebrative architecture, that expresses big concepts and big ideals.

Io considero l’architettura una grande disciplina di sintesi, una disciplina in cui interagiscono fattori che niente hanno a che fare soltanto con la sola tecnicità scientifica della statica, piuttosto che dell’impiantistica. L’atto del progettare è una risposta. Una risposta a una condizione del tutto mentale dell’uomo, che ha l’esigenza di risolvere alcuni temi. Questi possono essere di diversa scala, dal semplice fabbisogno della protezione, del ricovero, del nascondersi, del proteggersi nell’antro artificiale, a quella della ricerca del divino, in qualche modo cercando una dimensione che è sovrumana che è quella dell’architettura che appartiene a Dio. Quella dell’architettura con la A maiuscola, l’architettura celebrativa, che esprime grandi concetti e grandi ideali.
MARIO FALCONI
President Chamber Doctors Rome
(Part of Relation)
I wish we can reach to professionals, doctors, architects and others, who can work together, maximizing the effort in their competences, against an important pathology. Unfortunately more and more citizens have important problems, among the others, the not self-sufficiency or the serious mental disease. Even there are studies that say that they become poor (also if they have a medium income) because they have to pay out of one’s own pocket. So it is a deep desire to imagine this system.

Magari si potesse arrivare a professionisti medici, architetti e quant’altro, che insieme, rispetto a una patologia importante, possano mettere a frutto il massimo delle loro competenze. Purtroppo sempre più cittadini hanno problemi seri, tra gli altri la non autosufficienza o la grave malattia psichiatrica. Addirittura ci sono studi che dicono che diventano poveri - pure se hanno redditi medi - perché devono tirare fuori i soldi di tasca loro. Quindi immaginare questo sistema è un desiderio profondo.
 
Foto C.Pontoriero © 2011
L’ARCHITETTURA COME TERAPIA
Il progetto costruisce uno spazio nella convinzione che l’architettura possa agire come potenziale strumento terapeutico e di guarigione. In questo senso il progetto tiene conto di recenti studi e ricerche che hanno dimostrato che l'ambiente fisico e lo spazio in cui avviene una terapia riabilitativa o di mantenimento ha un impatto sia sul processo della terapia che sul suo esito
THE ARCHITECTURE AS THERAPY
The project builds a Therapeutic Space, in the belief that the architecture can behave as a therapeutic and of healing instrument. In this sense the project considers recent studies and researches that proved the physical enviroment and the space where rehabilitation and of maintaining therapy has an impact on the therapy process and on its result.
     
  Progetto de lalineabiancastudio per la Comunità minori Lilium (Italia)
Lilium Community Project (Italy) by lalineabiancastudio

ROMA - LALINEABIANCASTUDIO REALIZZA IL
PROGETTO PER LA COMUNITA' MINORI LILIUM
Direzione Progetto: Rosario Marrocco

Estratto dalla Relazione
Il progetto architettonico della Comunità neuropsichiatrica Lilium, definisce uno spazio architettonico tra vita esterna e realtà interna, tra lettura onirica e dimensione immaginifica del mondo, capace di mutare da solitario a condiviso, e viceversa. Nel progetto della Comunità, la Persona misura sé stessa e gli altri nell’Architettura, intesa anche come sistema gerarchico di elementi misurabili. Attraverso distanze, profondità e differenze spaziali, e capacità discriminante del colore, emerge la spazialità matematica che rende lo spazio tangibile e reale.
Il corpo abita lo spazio muovendosi nello stesso e con tutte quelle possibili “spazialità di situazione” [Cfr. Merleau-Ponty]. Il progetto definisce spazialità semplici e complesse che rimandano alla formazione di ambienti in cui vengono accentuati i fenomeni di profondità spaziale e differenza tra le parti (attraverso sistemi lineari orizzontali e verticali), e simboli e riferimenti spaziali (attraverso sistemi puntuali).
Il progetto architettonico delle Comunità neuropsichiatriche per minori si confronta quindi con uno spazio di vita, terapeutico e riabilitativo, atto ad accogliere persone la cui percezione oggettiva del mondo esterno è fortemente condizionata dalla realtà soggettiva interna.
Studi recenti di professionisti della costruzione dello spazio e della salute mentale hanno ipotizzato che l'ambiente fisico in cui avviene una terapia riabilitativa o di mantenimento, ha un impatto sia sul processo della terapia che sul suo esito. Il modello di approccio al “Progetto per l’Uomo” e al “Design Psychoenvironmental”, adottato da lalineabiancastudio per la Comunità Lilium, vuole fornire anche uno strumento importante ed efficace nel perseguimento di un efficiente contenimento e riduzione della psicopatologia grave.
 
ROME - LALINEABIANCASTUDIO REALIZES
THE PROJECT FOR THE UNDER-AGE COMMUNITY LILIUM
Project Direction: Rosario Marrocco

Abstract
The architectural project of Lilium neuropsychiatric Community, defines an architectural space between external life and inner reality, between dreamlike reading and imaginative dimension of the world, able to change from lonely to common, and the other way round. In the project of the Community, the Person measures himself and the others in the Architecture, intended also as hierarchical system of measurable elements. Through distances, deeps and spatial differences and the colour discriminanting capacity, the mathematical spatiality that makes the space touchable and real emerges.
The body inhabits the space moving in the same (space) and with all the possible “spatiality of situation” [Cfr. Merleau-Ponty]. The project defines simple and complex spatiality that send back to the setting of places where phenomenons of spatial deep and difference between the parts (through vertical and horizontal linear system), and symbols and spatial references (through point system).
The architectural project of  neuropsychiatric Communities for under-age confronts with a live therapeutic and rehabilitation space, to accommodate people with objective perception of external world strongly conditioned by subjective inner reality.
Recent professionals studies of space and mental health construction supposed that physical environment where a rehabilitation or maintaining therapy happens, has an impact on the therapy process and on its result.The approach model to the “ Project for the Man” and to “Psychoenvironmental Design”, used by Lalineabiancastudio for Lilium Community, wants give an important and efficacious instrument in the pursuit of an efficient control and reduction of serious psychopathology.
PROGETTO PATOLOGIA IDENTITA'
La struttura che accoglie la patologia diventa parte attiva del progetto riabilitativo contribuendo di fatto alla riattivazione del rapporto verso il fuori. E' stata restituita alla comunità un'identità spaziale e architettonica troppo spesso condizionata dalla funzione e definita attraverso un territorio di confine, uno spazio in cui uomo e spazio diventano periferici.
PROJECT PATOLOGY IDENTITY
The structure that receives the pathology became active part of the rehabilitation project contributing of-fact to reactivation of the relation toward outside. A spatial and architectural spatiality gave back to the Community, very often conditioned by the function, and defined through a marginal land, a space where the man and the space became peripheral.
SUL CONCETTO DI LUOGO
Per Aristotele il luogo non può essere solo forma o solo materia perché forma e materia appartengono alla stessa cosa, mentre il luogo si ammette come separabile. Aristotele evidenzia il fatto che è erroneo pensare il luogo come una sorta di contenitore, come un corpo che contiene altri corpi. Aristotele definisce il luogo come il "Limite immobile del corpo contenente"
     
  Case a Roma de lalineabiancastudio
Houses in Rome by lalineabiancastudio
ROMA - LALINEABIANCASTUDIO REALIZZA
PROGETTI DI CASE A ROMA
Direzione Progetto: Rosario Marrocco

Estratto dalla Relazione
Lo spazio Casa è un insieme di eventi e fatti architettonici ispirati e plasmati secondo un rigore metafisico. Il principio che regola la composizione e la progettazione dello spazio è quello della creazione di luoghi sospesi tra sacralità, simbolismo e vita quotidiana. Nei progetti delle Case si rileggono le matrici semantiche della DomusRome.
"Costruire e pensare sono sempre secondo il loro diverso modo, indispensabili per l'abitare (...). La vera crisi dell'abitare consiste nel fatto che i mortali sono sempre ancora in cerca dell'essenza dell'abitare, che essi devono anzitutto imparare ad abitare" (Martin Heidegger)
 
ROME - LALINEABIANCASTUDIO'S PROJECT
PROJECT HOUSES IN ROME
Project Direction: Rosario Marrocc

Abstract
The Spazio Casa is a case for events and architectonic facts inspired and moulded on metaphysical severity. The principle that regulates the composition and the design of space is the same one of the creation of the floating spaces between sacred, symbolilsm and daily life.In the design of the Case (houses) you can find the semantic matrices of the DomusRoma.
“To build and to think are always according to their different way, indispensable to inhabit (…). The real crisis to inhabit consists in the fact that the mortals are always out of essence of inhabit, that they had to learn to inhabit” (Martin Heiddeger)

 

SPAZIO, LUOGO E ABITARE
Secondo Martin Heidegger fra spazio e luogo viene prima il luogo che dà l'essenza allo spazio. Abitare è soggiornare presso cose e luoghi. "Il rapporto dell'uomo ai luoghi, e, attraverso i luoghi, agli spazi, risiede nell'abitare. La relazione di uomo e spazio non è null'altro che l'abitare pensato nella sua essenza"
LA RICERCA
Architettura e psiche  è una ricerca iniziata nel 2007 da Rosario Marrocco incentrata sulle relazioni tra spazio fisico e spazio mentale nella progettazione architettonica e sulle relative interazioni disciplinari
Il MEETING
Raffaele Panella, architetto romano e Professore di Progettazione della Sapienza Università di Roma, ha affermato che: "La città congela nella sua forma le relazioni sociali" e che "serve una diffusione regolata che porti allo sviluppo di un arcipelago multifunzionale".

Il MEETING
Francesco Bruno, psichiatra e criminologo della Sapienza Università di Roma, in uno dei suoi interventi ha sottolineato l'importanza di luoghi come "Le caserme e le carceri: spazi pensati per spersonalizzare gli uomini rendendoli numeri". La solitudine dell'individuo è stato un'altro tema affrontato da Francesco Bruno

Foto C.Pontoriero © 2010
Il Prof. Massimo Di Giannantonio, psichiatra dell' Università G. D'Annunzio di Chieti ha fornito dati sulla grandezza delle metropoli e le malattie mentali, individuando delle precise relazioni.
 
  Meeting Architecture and Psyche
From the man henceforth. New spaces for the man in the city-metropolis
lalineabiancastudio and International Foundation Don Luigi Di Liegro Onlus

Rome, September 28th 2010 - House of Architecture at the Acquario Romano
Under the patronage of Ministero dell'Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare
Meeting Architettura e Psiche

Dall'uomo in poi. Nuovi spazi per l'uomo nella città-metropoli
lalineabiancastudio e la Fondazione Internazionale Don Luigi Di Liegro Onlus
Roma, 28 settembre 2010 - Casa dell'Architettura all'Acquario Romano
Con il patrocinio del Ministero dell'Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare
Razionale
Rosario Marrocco
Nuovi margini, nuove centralità e relazioni, sono le tematiche sulle quali ripensare la città metropoli contemporanea. Spazi periferici dilagano e assumono il carattere di luoghi collettivi e relazionali, regolati da logiche funzionali al commercio. Il centro urbano diventa luogo di passaggio, e non più di incontro e sosta, mentre le infrastrutture tentano di costruire una rete sempre più capillare, a sostegno di relazioni più allargate. Il centro conserva la sua storia di spazio vissuto, ma non più quella di spazio di vita. In questo scenario, l'uomo, il suo spazio, e la collettività, devono dialogare con nuovi riferimenti, relazionarsi ai nuovi modelli urbani, sociali e culturali, nei quali la politica deve ritornare ai principi di democrazia e libertà, e l'economia non può costituirsi unico campione di benessere. Il progetto di architettura deve rimettere l'uomo al centro della dialettica spazio-individuo-architettura, nella costituzione dei luoghi personali, dei luoghi delle relazioni e dello scambio. Deve ripensare le diversità non come differenze, ma come principio di identità. A fronte di nuovi modelli e sistemi di regole, l'architettura deve ritornare ad essere un timone, testimoniare il suo ruolo guida nello sviluppo ambientale e culturale, e non essere assoggettata a regole meccanicistiche o inutili episodi urbani.
Diversità funzionali e identità spaziali, spazi delle relazioni e personali, sono le questioni del progetto per l'uomo nella città metropoli, trattate nel meeting attraverso tre domande:
1. Case, Scuole, Ospedali, Comunità, Carceri, Centri commerciali: come costruire le diversità?
2. Gli spazi collettivi urbani: come progettare le relazioni?
3. La casa contemporanea: come progettare oggi lo spazio personale?
Nel quadro attuale è necessaria una maggiore attenzione progettuale e una ricerca architettonica degli spazi di relazione e personali, e di tutti gli spazi legati all'individuo e alla sua capacità di vivere ed esserci. E' indispensabile un ripensamento del benessere dell'uomo, ricollocando esigenze ambientali e fisiche, nella costruzione dello spazio e dell'architettura.

Relatori / Relators
(In ordine di intervento / In order of speech)
Stefania Prestigiacomo, Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare
Amedeo Schiattarella, Presidente Ordine Architetti Roma
Luigina Di Liegro, Vicepresidente e Segretario Generale Fondazione Internazionale don Luigi di Liegro Onlus
Raffaele Panella, Sapienza Università di Roma
Francesco Bruno, Sapienza Università di Roma
Elio Cappuccio, Collegio Siciliano di Filosofia
Massimo Di Giannantonio, Università G.D’annunzio Chieti Pescara
John Gale, CEO of Community Housing and Therapy (CHT) London
Dominique Quattrocchi, Comunità Minori Lilium Onlus
Carmela Pace, Unicef SR
Rosario Marrocco, Sapienza Università di Roma
Josè Mannu, Fondazione Don Luigi Di Liegro, Dipartimento di Salute Mentale (DSM) ASL RM/B
Alessandra Ciolfi, Fondazione Don Luigi Di Liegro

Direzione Scientifica / Scientific Direction
Elio Cappuccio, Alessandra Ciolfi, Josè Mannu, Rosario Marrocco

Volume degli Atti / Book
In corso di pubblicazione/
To be published

LINK |  www.casadellarchitettura.it  |  www.fondazionediliegro.it  |  www.cht.org.uk.

IL MEETING
John Gale, CEO della Community Housing and Therapy (CHT) di Londra ha insistito sul tema della solitudine, affermando che gli uomini "vivono lo spazio come oggetti disposti nello stesso".
ABOUT
"ARCHITECTURE AND PSYCHE"
Architecture and Psyche is a research (Chief Researcher: Rosario Marrocco) that entails with the construction of the man-space starting from the study of the relations between geometrical space and lived space, physical space and mental space, perception and design of the space.
The goal of the research is to define a design methodology for the man-space (houses, schools, hospitals, communities, prisons, barracks, neighborhoods) through the study of the relations among architecture, mind and perception, re-affirming the importance of the space and of the architecture in the evolutionary process of the man. To this purpose the Research is based on the transversality of the disciplines: Architecture, Psychology and Psychiatry.
Foto C.Pontoriero © 2010
 
FRANCO PURINI
(Stralcio dalla Relazione)

"Noi architetti sappiamo una cosa: che più lo spazio è strutturato, più l’uomo è libero. Più lo spazio è strutturato più io riesco ad agire nello spazio. E quindi anche ad avere un atteggiamento di autocoscienza, riuscire a intervenire su di esso secondo una strategia precisa. Lo spazio deve essere gerarchico. Lo spazio è un “tessuto”. Un “tessuto” complesso che io devo decifrare. Lo spazio deve essere strutturato, e più è strutturato, e più i gradi di libertà e di interazione aumentano".
LUIGINA DI LIEGRO
Assessore alle Politiche sociali e delle Sicurezze della Regione Lazio

(Stralcio dalla Relazione)

"Oggi questa ricerca è più che mai necessaria. In questo scenario, i progetti di trasformazione urbanistica hanno impatti enormi sulle persone, sulle comunità. Progetti guidati, troppo spesso, dalle sole esigenze economiche. Che non fanno i conti con gli equilibri delicatissimi che tengono in piedi il tessuto urbano. Si progetta senza pensare al benessere complessivo delle persone. A tutti i loro bisogni. Alla necessità di costruire relazioni sociali. Da qui alla violenza e al disagio psichico il passo è breve. Credo che tutti, istituzioni, attori economici, urbanisti e architetti, società civile organizzata, dobbiamo sentire questa responsabilità".

 
Foto C.Pontoriero © 2009
 
 
  Lalineabiancastudio - International Conference Architecture and Psyche
The influence of space on the individual's psyche.
From the space of violence to the space of suicide

Rome, November 24th 2009 - House of Architecture at the Acquario Romano
Syracuse, January 22nd 2010 - Palazzo Impellizzeri, University of Architecture
Under the patronage of

Lalineabiancastudio - Convegno Internazionale Architettura e Psiche
L'influenza dello spazio sulla psiche dell'individuo.
Dallo spazio della violenza allo spazio del suicidio

Roma, 24 novembre 2009 - Casa dell'Architettura all'Acquario Romano
Siracusa, 22 gennaio 2010 - Palazzo Impellizzeri, Facoltà di Architettura

Con il patrocinio di

Razionale
(Rosario Marrocco)
La relazione tra lo spazio e l'individuo, l'influenza dello spazio e dell’architettura sulla psiche dell’individuo, lo studio dei fenomeni esogeni psico-degenerativi (dalla violenza individuale verso lo spazio che l’ha generata, alla violenza verso se stessi, fino alla disperata dimensione del suicidio), sono i temi al centro del Convegno. E' necessario e indispensabile affiancare esperienze, ricerche e professionalità per la costruzione di uno spazio più vicino all’uomo e alla sua psiche. I fenomeni conflittuali, di violenza, criminosi , verso la collettività e verso se stessi, possono e devono essere arginati con un'azione sinergica che coinvolge diverse professionalità. L'architetto deve collaborare alla costruzione di uno spazio che riduca la sofferenza e l'esasperazione. Da qui, bisogna ritornare alle regole e ai principi per la costruzione dello spazio. Psichiatri e psicologi devono individuare patologie esogene a carico dell’individuo derivanti dallo spazio che ora chiameremo: degenerativo.
Il focus del Convegno è su cinque tematiche.
1- Lo spazio degenerativo capace di creare fattori esogeni degenerativi nell’individuo.
2- Il rapporto spazio-collettività e i fenomeni degenerativi collettivi relazionati con l’ambiente - spazio circostante, visti come annullamento dell’identità.
3- Il rapporto spazio-individuo e i fenomeni degenerativi individuali relazionati con l’ambiente - spazio circostante, visti come esaltazione dell’identità.
4- Il rapporto individuo-variabili della percezione e i fenomeni legati alla capacità dell’individuo di relazionarsi con variabili fisico-spaziale quali: luce, colore, materia
6- La costruzione dello spazio del suicidio come la prefigurazione di uno spazio alternativo allo spazio reale, all’interno di una psiche degenerata non soltanto da fenomeni endogeni ma anche esogeni provocati dallo spazio circostante (reale) 

Relatori Convegno Roma / Relators Rome
(In ordine di intervento / In order of speech)
Luigina Di Liegro, ex Assessore Politiche Sociali e Sicurezza Regione Lazio
Amedeo Schiattarella, Presidente Ordine Architetti PPC di Roma e Provincia
Marialori Zaccaria, Presidente Ordine Psicologi del Lazio
Rosario Marrocco, Sapienza Università di Roma
Elio Cappuccio, Collegio Siciliano di Filosofia
Francesco Bruno, Sapienza Università di Roma
Franco Purini, Sapienza Università di Roma
Massimo Ilardi, Università di Camerino
Josè Mannu, Fondazione Don Luigi Di Liegro, (DSM) ASL RM/B
Vezio Ruggieri, Sapienza Università di Roma
Alessandra Battisti, Sapienza Università di Roma
Raffaele Panella, Sapienza Università di Roma
Roberto Malano, DSM ASL RMD
Antonino Terranova, Sapienza Università di Roma
Daniele Giovanni Poggioli, Ospedale Maggiore Bologna
Alessandra Mancaruso, Ospedale Maggiore Bologna
Enzo Spatuzzi, Associazione Italiana Psichiatri
Pablo Maximo Taddei, Accademia Uomo
Relatori Convegno Siracusa / Relators Syracuse
(In ordine di intervento / In order of speech)
Michele Mangiafico, Presidente del Consiglio Provinciale di Siracusa
Elio Cappuccio, Collegio Siciliano di Filosofia
Carmela Lilia Cannarella, Ordine degli Architetti PPC Siracusa
Fulvio Giardina, Presidente Ordine degli Psicologi della Regione Siciliana
Rosario Marrocco, Sapienza Università di Roma
Salvatore Amato, Università degli Studi di Catania
Roberto Fai, Collegio Siciliano di Filosofia
Stefano Serafini, filosofo, psicologo
Nikos Salingaros, University of Texas a San Antonio
Carmela Pace, Liceo Classico T. Gargallo SR, UNICEF SR
Adriana Russo, Ordine degli Architetti PPC Messina
Enrico Bianchi, Conservatorio di Perugia

Direzione Scientifica / Scientific Direction
Rosario Marrocco

Volume degli Atti / Book
In corso di pubblicazione/
To be published

LINK |  www.casadellarchitettura.it  |  www.cri.it

FRANCESCO BRUNO
(Stralcio dalla Relazione)

Chi progetta deve conoscere l’uomo. Io sono favorevolissimo a questo tipo di iniziative. Chi progetta deve conoscere l’uomo sin dalla progettazione della casa. Se la progettazione è ben fatta l’igiene mentale viene rispettata. E naturalmente è importante il dialogo tra psicologi, psichiatri, architetti, criminologi, urbanisti. Non si contano più le teorie criminologiche sui rapporti tra città e delinquenza e criminalità. Un fatto è sicuro, esistono mille motivi nelle città che possono aumentare la criminalità. Però agire su questi è naturalmente più difficile, perché una città cresce e nasce da sola. Ci vuole per progettare insomma, se vuoi, puoi progettare qualche piccola cosa, ma non tutto questo mostro che oramai è ingovernabile. La cosa più ridicola è che, politicamente non facciamo altro che dire che dobbiamo combattere la criminalità per la sicurezza della gente, e poi alla fine devi prendere l’esercito e metterlo per la strada. In realtà facciamo città criminogene, e come se lo volessimo fare apposta, meglio non si può. Quindi, come fanno a fare una città non criminogena? Semplice. Il contrario di quello che stiamo facendo. Il contrario.
MASSIMO ILARDI
(Stralcio dalla Relazione)

Il territorio che cos’è se non il presente della nostra esistenza? Territorio vuol dire: presente, essere qui, in questo momento. Ecco quindi che il territorio diventa un elemento centrale per soddisfare al presente i nostri desideri. Quindi diventa un territorio estremamente conflittuale. Perché si scontrano diversi individualismi, minoranze, divisioni, fratture, di cui è composta una società del consumo. Ma non è il territorio che genera violenza. Diciamo che è il nostro modo di agire.
Foto C.Pontoriero © 2009
FRANCO PURINI
(Part of Relation)

"I do think that the real problem that architects have today is to reconstitute this Knowledge. So the Knowledge weave. First of all to understand why the modern architecture has destroyed the bases of the architecture itself. To understand why there is an error, or there is a bad interpretation.
But, certainly it must trace back to the action of avant-garde of past century, and work over subsequently, once it be understand why, why this phenomenon is worked over, in order to tie again the weave of representation. (...) To rebuild a tale, that starts from the weave, in order to discover the cohesive sense of this human technique of putting together the things. Because if this communitarian and mysterious sense of weaving is not put back in the urban space, for me there aren’t alternatives to  unease, danger, insecurity sensation that is become nearly a biological constant of the populations who live in contemporary metropolis"
ROSARIO MARROCCO
(Stralcio dalla relazione)
In questa relazione voglio mettere in evidenza una particolare relazione tra l’uomo e lo spazio: il loro essere e stare attraverso un dentro e un fuori. Esiste una sensibile particolarità dello spazio e dell’architettura di rendersi affine all’uomo: il suo essere dentro e fuori, al di là di ogni funzionalismo, oltre il rapporto tra le cose costruite e l’ambiente aperto. Ed esiste un momento particolare, in cui l’uomo fa tracciato di circonferenza attorno a sé, consolidando lo stato di coesistenza e continuità con lo spazio, sovrapponendo il suo dentro con il dentro dello spazio e il suo fuori con il fuori dello spazio. Nasce la Polis dal segno gromatico e da quel momento la città è rappresentazione dell’uomo e del suo mondo interno.Tutto ciò che ne è al di fuori rappresenta la sua capacità di costruire fisicamente ed emotivamente le relazioni con il mondo esterno.
 
  Lalineabiancastudio - 1st Convention on Physical Space Studies
Psichological perceptions and psychiatric pathologies
in the Architectural Space Design

Rome, July 15th 2009 - House of Architecture at the Acquario Romano
Under the patronage of

Lalineabiancastudio - Primo Convegno Internazionale sullo Spazio Fisico
Le percezioni psicologiche e le deviazioni psichiatriche
nella progettazione dello spazio architettonico
Roma, 15 luglio 2009 - Casa dell'Architettura all'Acquario Romano
Con il patrocinio

Rational
(Rosario Marrocco)
The relation space-individual
The study of the perceptive experience of the space and of the psychiatric pathologies related to spatial and environmental factors, leads to an interdisciplinary action. Architect, psychologist and psychiatrist converge on phenomena and problems inherent to the way of building, perceiving, living and experiencing the space.
The man measures and lives the space, he perceives the material and immaterial boundaries, the dimensions and the proportions. The individual transforms the spatial geometric universe in a lived space, he drags it into his fabula, he modifies it according to his perceptions. The external world is revolutionized by the interior reality, the geometric space controlled and measured compares itself with the lived space, that expresses itself through the body in movement, that actively lives the space. A space that cannot be underestimated during the design, nonetheless during the construction of that reasoned space, that translates ideas and thoughts in a next material space to be, made for man according to the Vitruvian principles. The disciplinary transversality extends the Vitruvian construction. It extends the functionality, the aesthetic and the solidity with the mental and sensorial dimension. It represents in this way a total space for the man who lives in it and experiences it with his body, his brain and his mind. The dimension of the aedificatio embraces the subjective perception related to the individual. The Vitruvian venustas comprehends the proportion, that gratifies senses and spirit of the man through aesthetic values and harmonic ones. This important spatial attribute, is born with the geometric space and contributes to the definition of the lived space. The relation space-individual therefore has to go through the proportional action of the man. Another aspect is the relation between space and sound. This aspect has been largely debated, most of all during the last years, when the sound, from being a marginal entity of the architecture, has become one of its constitutive elements. Sound, silence, noise are aspects that modify the relation with the geometric space and that define the “lived”. Every sonorous identity dialogues with the individual through an emotional circuit. The sonority may reach levels of extreme interest, even functional to that human psyche made also of acoustic fragments, that often induce to an affirmation of the relation space-individual through memory, remembrance and time
OBJECTIVES
The main objective is the study of the relation space-individual in the architectonic design, based on the psychological perceptions of the physical space and the psychiatric pathologies induced by it. Other objectives are:
1. To lead disciplines and professions that work on man and his space to converge
2. To give new instruments to the design of the architectonic space through the psychological perception of it
3. To give different tools to the designing phase through the study of the relation between space and sound
The joint work among different scientific, humanistic and cultural areas, is an objective of this first study conference on the physical space. In this case, Architecture, Psychology, and Psychiatry concur to the definition of the space “for” the man. The interdisciplinarity gives new tools to study the relation between individual and space with the purpose of composing a conscious space through the integrated design, that will bring the man back to its center. It is the man himself that is a bridge among the scientific and humanistic disciplines interested by this topic.

Relatori Convegno Roma / Relators Rome
(In ordine di intervento / In order of speech)
Amedeo Schiattarella, Presidente dell’Ordine degli Architetti, PPC di Roma e Provincia
Marialori Zaccaria, Presidente Ordine degli Psicologi del Lazio
Vezio Ruggieri, Sapienza Università di Roma
Franco Purini, Sapienza Università di Roma
Enrico Cocco, Conservatorio di Musica di Perugia, Musica Experimento
Elio Cappuccio, Collegio Siciliano di Filosofia
Daniela Salvi, Sapienza Università di Roma
Patrizia Peresso, IAAP Inter.Ass.Analytical Psychology
Roberto Malano, CSM – DSM ASL RMD
Rosario Marrocco, Sapienza Università di Roma
Mirilia Bonnes, Sapienza Università di Roma, CIRPA
Giuseppe Carrus, Università Roma Tre, CIRPA
Renato Partenope, Università Mediterranea di Reggio Calabria
Antonino Terranova, Sapienza Università di Roma
Antonio Maria Ciardiello, UO Day Surgery, Complesso Integrato Columbus Roma
Marco Giommoni, Università di Trento
Paola Argentino, Psichiatria di collegamento AUSL –SR
Daniela Maurizi, PHD Sapienza Università di Roma
Anna Fierro, Architetto

Direzione Scientifica / Scientific Direction
Rosario Marrocco

Volume degli Atti / Book
In corso di pubblicazione/
To be published

LINK |  www.casadellarchitettura.it  |  
VEZIO RUGGIERI
(Part of Relation)
We can only talk about the experience of the space. At this point we start to realize that the space is the product of the psycho-physiological organization of the subject. Placed  in a reality, the central point is to perceive the reality and its shapes. So the chapter of the perception is fundamental in order to build every operational, intellectual and programmatic level. But the perception of each event is in the perception of a global case. (…) what is curious is that the subject, submitted to clinic analysis, reveals to us, first of all, how he has to build the case in order to place the events in the case itself. Therefore the space is the first process of perceptive organization of the subject. What are the fundamental points of a case? Naturally, the first experience referred to the space is the visual one, because it establishes conditions of proximity, distances... etc.
 
 
 
 
 
PAESAGGI MENTALI
IN PIRANDELLO
a cura di Carmela Pace, con saggi di Elio Cappuccio, Rosario Marrocco,
Salvatore Sparatore, Morrone Editore, Siracusa, ottobre 2010
In Pirandello, l'uomo trascorre la sua vita davanti alla porta aperta della verità, di kafkiana memoria, senza certezza alcuna di potervi mai entrare perchè tra la creatura umana e la verità, c'è quel velo di Maya che non si riesce a squarciare ma che consente di immaginare variegati paesaggi mentali (dalla prefazione di Carmela Pace)


IL CENTRO NAZIONALE
STUDI PIRANDELLIANI

Quando fu fondato il 13 gennaio 1967, il Centro Nazionale di Studi Pirandelliani dichiarò di assumersi l’impegno di raccogliere tutte le testimonianze più disparate sull’opera di Luigi Pirandello
>>>continua / read more
 
  Architecture and Phylosophy in the work of Luigi Pirandello
Presentation of the book: "Paesaggi mentali in Pirandello"
Lalineabiancastudio e il Centro Nazionale Studi Pirandelliani (Section SR)

Syracuse, October 22nd 2010 - Chiesa di San Filippo Apostolo alla Giudecca
Under the patronage of the University of Catania department of Modern Philology,
Sicilian Regional Assembly and Fidapa Foundation

Architettura e Filosofia nell'opera di Luigi Pirandello
Presentazione del libro: "Paesaggi mentali in Pirandello"
Lalineabiancastudio e il Centro Nazionale Studi Pirandelliani (Sezione SR)

Siracusa, 22 ottobre 2010 - Chiesa di San Filippo Apostolo alla Giudecca
Con il patrocinio dell' Università di Catania - Dipartimento di Filologia Moderna,
dell'Assemblea Regionale Siciliana e della Fondazione Fidapa

Abstract
(Rosario Marrocco)
Rileggere la poetica pirandelliana attraverso i linguaggi e le metafore della costruzione dello spazio e secondo il pensiero filosofico e religioso è l'obiettivo del volume: Paesaggi mentali in Pirandello, a cura di Carmela Pace (Presidente Centro Nazionale Studi Pirandelliani SR) e con saggi di Elio Cappuccio (filosofo), Rosario Marrocco (architetto) e Salvatore Sparatore (docente Istituto Superiore Scienze Religiose San Metodio SR). Mentre Louis Kahn media il flusso tra contemplazione e conoscenza scavando luce e materia e Le Corbusier introduce un elemento di relazione tra la pura forma e la vera funzione adottato dall'uomo come strumento di comprensione dello spazio vissuto e dello spazio astratto, Luigi Pirandello stabilisce linee rette di verità attraverso ipotesi della conoscenza, scavando figure, personaggi e parole alla ricerca del principio dell'identità

Relatori / Relators
(In ordine di intervento / In order of speech)
Giuseppe Italia, Dirigente Ufficio Scolastico Provinciale
Enzo Lauretta, Presidente Centro Nazionale Studi Pirandelliani
Nisi Candido, Direttore ISSR San Metodio Siracusa
Michele Mangiafico, Presidente del Consiglio Provinciale di Siracusa Giuseppe Di Guardo, ex Presidente Ordine Architetti, PPC di Siracusa
Elio Cappuccio, Collegio Siciliano di Filosofia
Rosario Marrocco, Sapienza Università di Roma
Salvatore Sparatore, ISSR San Metodio Siracusa
Carmela Pace, Dirigente Scolastico Liceo Classico T. Gargallo SR, UNICEF SR
 

Direzione Scientifica / Scientific Direction
Carmela Pace

Volume degli Atti / Book
Paesaggi mentali in Pirandello, a cura di Carmela Pace (con saggi di E.Cappuccio, R. Marrocco, S. Sparatore), Morrone Editore SR, 2010


LINK |  www.professionearchitetto.it
CONTRIBUTE / CONTRIBUTI
IDENTITA' PLURIME E PAESAGGI IN MOVIMENTO NELLE NOVELLE PIRANDELLIANE di Elio Cappuccio
ABSTRACT L'ironia ci può consentire di non identificarci in modo assoluto con una forma, evitando che una maschera ci venga impressa a fuoco per sempre. >>>continua / read more

LO SPAZIO FISICO E LO SPAZIO MENTALE NELLE NOVELLE DI LUIGI PIRANDELLO di Rosario Marrocco
ABSTRACT Complessa ed elegante la macchina scenica introdotta da Pirandello rappresenta - sotto forma narrativa - acuità e luoghi della sua creazione >>>continua / read more

LA DIMENSIONE RELIGIOSA O IRRELIGIOSA IN PIRANDELLO
di Salvatore Sparatore

ABSTRACT I personaggi pirandelliani ci vengono spesso presentati così come appaiono, non sono frutto di profonda disamina psicologica  >>>continua / read more

SYRACUSE july 15t
Lalineabiancastudio
and Creation Surface Lab in joint effort with the Sicilian Institute of Philosophy
has created and organized a seminary and a show consisting in  7+7 (+1) works that operate an intersection through Design, Electronic Art and Philosophy making a broad analysis not only on the contemporary design concept but also regarding its  idea birth process. This seminary and the Expo LLBB want to leave a mark, a line that joins together ideas, audio-visual and philosophical thoughts acknowledging Philosophy as the mother of all forms of knowledge from visual to language forms.
LALINEABIANCASTUDIO
starts from the assumption that the near future will see more “impure creations”, the overlapping of knowledges and subjects, the globalization of creativity at the disposal of societies and through thinking and action at the disposal of man-kind ultimately.
The 7­+7 video works presented by lalineabiancastudio focus on the relation between the aesthetic thought/concept (through visual-audio expression) and a well defined project identity: from urban landscapes to dynamic forms of architecture (videos about architectural projects) to unique cinematographic creations (5 cases of video art), from bidimensional figures to tridimensional sculptures as evidence of the transpose o
 
  Design, electronic art and philosophy.
Intersections of the contemporary design concept
Directed and organized by:
Lalineabiancastudio and Collegio Siciliano di Filosofia

Seminary and Exhibition
Syracuse, July 25th 2009 - Gallery Rome Contemporary Art (Ortigia SR)
Under the patronage of Ordine Architetti PPCdi Roma e Provincia

Progetto, arte elettronica e filosofia.
Intersezioni del pensiero progettuale contemporaneo

Lalineabiancastudio e il Collegio Siciliano di Filosofia
Giornata di studi ed Esposizione

Siracusa, 25 luglio 2009 - Galleria Roma Arte Contemporanea (Ortigia SR)
con il patrocinio dell'Ordine Architetti Pianificatori Paesaggisti e Conservatori di Roma e Provincia

Abstract
(Rosario Marrocco)
SYRACUSE. Lalineabiancastudio – Creation Surface Lab in joint effort with the Sicilian Institute of Philosophy has created and organized a seminary and a show consisting in  7+7 (+1) works that operate an intersection through Design, Electronic Art and Philosophy making a broad analysis not only on the contemporary design concept but also regarding its  idea birth process. This seminary and the Expo LLBB want to leave a mark, a line that joins together ideas, audio-visual and philosophical thoughts acknowledging Philosophy as the mother of all forms of knowledge from visual to language forms. Lalineabiancastudio starts from the assumption that the near future will see more “impure creations”, the overlapping of knowledges and subjects, the globalization of creativity at the disposal of societies and through thinking and action at the disposal of man-kind ultimately. The 7­+7 video works presented by lalineabiancastudio focus on the relation between the aesthetic thought/concept ( through visual-audio expression) and a well defined project identity: From urban landscapes to dynamic forms of architecture (videos about architectural projects) to unique cinematographic creations (5 cases of video art), from bidimensional figures to tridimensional sculptures as evidence of the transpose of traditional expression to the essential contemporary dimension.
SIRACUSA. Lalineabiancastudio, con il suo Laboratorio Creativo SUPERFICIE e con la collaborazione del Collegio Siciliano di Filosofia ha ideato ed organizzato una Giornata di Studio e una Mostra di 7+7 (+1) Opere che intersecano ed attraversano Progetto, Arte Elettronica e Filosofia, innestando un un dialogo e uno studio esteso alla forma del pensiero progettuale contemporaneo. Questa Giornata di Studio intende tracciare un segno che congiunge idee e pensieri visivi e sonori con quei pensieri che nascono da saperi e riflessioni filosofiche, riconoscendo nelle stesse le origini del pensiero creativo. Il prossimo futuro vedrà sempre più imponente la determinazione di “Impurità creative”, la sovrapposizione di saperi e discipline, la globalizzazione della creatività al servizio della collettività, attraverso ogni forma di pensiero e azione. Le 7+7(+1) Opere in video presentate da lalineabiancastudio sono incentrate sul rapporto tra il pensiero estetico e l'identità progettuale: da scenari e paesaggi urbani di città ad architetture dinamicamente mutevoli (video su progetti urbani ed architettonici) a vere e proprie invenzioni cinematografiche - frutto anche di complicità elettroniche (5 casi di video-art); da figurazioni bidimensionali a sculture tridimensionali come testimonianza della trasposizione dell’espressione tradizionale in una dimensione contemporanea ed essenziale. Opere di: Eliana Strano,Marina Pacioni, Antonella Castellucci, Lucia Cardellini, Giulio Pompei, Carlo Pontoriero, Speranza Landi, Sofia Lakshmi Cesaratto, Maria Gioia Cirillo, Valeria Spampinato, Cristina Sismundo, Anna Magistrelli, Stefano Corona, Enrico Cocco e Rosario Marrocco

Relatori / Relators
Prof. Salvatore Amato, Dott.ssa Paola Argentino, Prof. Elio Cappuccio, Prof. Enrico Cocco, Prof. Roberto Fai, Prof. Rosario Marrocco

Direzione Scientifica / Scientific Direction
Rosario Marrocco, Elio Cappuccio

Volume degli Atti / Book
Design, electronic art and philosophy. Intersections of the contemporary design concept; (In corso di pubblicazione)

LALINEABIANCASTUDIO starts from the assumption that the near future will see more “impure creations”, the overlapping of knowledges and subjects, the globalization of creativity
at the disposal of societies and through thinking and action at the disposal of man-kind ultimately.
The 7­+7 video works presented by lalineabiancastudio focus on the relation between the aesthetic thought/concept (through visual-audio expression) and a well defined project identity: from urban landscapes to dynamic forms of architecture (videos about architectural projects) to unique cinematographic creations (5 cases of video art), from bidimensional figures to tridimensional sculptures as evidence of the transpose of traditional expression to the essential contemporary dimensio.
LALINEABIANCASTUDIO
starts from the assumption that the near future will see more “impure creations”, the overlapping of knowledges and subjects, the globalization of creativity
at the disposal of societies and through thinking and action at the disposal of man-kind ultimately.
The 7­+7 video works presented by lalineabiancastudio focus on the relation between the aesthetic thought/concept (through visual-audio expression) and a well defined project identity: from urban landscapes to dynamic forms of architecture (videos about architectural projects) to unique cinematographic creations (5 cases of video art), from bidimensional figures to tridimensional sculptures as evidence of the transpose o

CORTOMETRAGGIO LLBS
LO SPAZIO DALL'ALTO
TRA ARCHITETTURA E PSICHE

Un racconto dedicato a chi inventa luoghi e spazi che non sappiamo ancora vedere e immaginare. È un racconto, sospeso tra narrazione e cronaca, che assume il carattere poetico e trascendente. Nella prima parte il racconto è dedicato alle 4 ragazze protagoniste: Lilia, Bianca, Claudia e Sofia. Nella seconda parte il racconto diventa dialogo tra le ragazze, ed è diviso in quattro tempi dedicati a: luce, spazio, natura e tempo.

 
 

Lalineabiancastudio partner A.re.s Film & Media Festival
Art and science of image
Quality of life and virtual technologies
International competition

Syracuse, December 16th - 21st 2010 - ex Monastero del Ritiro
Lalineabiancastudio partner dell'A.re.s Film & Media Festival
Arte e scienza dell'immagine
Qualità della vita e tecnologie del virtuale.
Concorso internazionale

Siracusa, 16/21 dicembre 2010 - ex Monastero del Ritiro

SYRACUSE
Lalineabiancastudio partner with A.R.E.S. Film & Media Festival - Art and Science of Image.
International film competition President of giury: Rosario Marrocco (founder and director lalineabiancastudio). Members of giury: Ezgi Yalinalp (Ankara International Film Festival) and Domenico Distilo (movie director) A.re.s Film & Media Festival. Art and science of image The festival is a cultural and exchange meeting, where studies and research on image are exhibited. (International film competition, Film out competition, International Video Spot Competition, Multimedia installations, 3D Works, International selection of Machinima). Film out competition During the festival lalilneabiancastudio presented - out of competition - the author documentary “The space from above between architecture and psyche”. A work inspired to spaces imagined and lived by young people who live with neuropsychiatric pathologies and dedicated to their capacity to live and imagine their places. The characters invented in the documentary, through their voices, describe real spaces and psychic spaces, created through time, light and color. They draw surfaces, they model curves, they think about stairs, steps, and big vases of flowers. Their words become de-signs that write the history of the space where incredibly everything finds its own place and meaning, as if someone from above would have allowed them to fly. The aim of this documentary is to do reflect on construction of psychic spaces and rethought this ones from the man who lives in it.

SIRACUSA
Lalineabiancastudio partner dell'A.RE.S Film & Media Festival - Arte e Scienza dell'Immagine.
International film competition Presidente di giuria: Rosario Marrocco (Fondatore e direzione lalineabiancastudio). Membri della giuria: Ezgi Yalinalp (Ankara International Film Festival) e Domenico Distilo (regista). A.re.s Film & Media Festival. Art and science of image Il festival è un incontro culturale e di scambio, all’interno del quale sono esposti studi e ricerche sull’immagine (International film competition, Film out competition, International Video Spot Competition, Multimedia installations, 3D Works, International selection of Machinima). Film out competition All'interno del festival lalineabiancastudio ha presentato - fuori concorso - il documentario d’autore “Lo spazio dall'alto, tra architettura e psiche”. Un lavoro ispirato agli spazi immaginati e vissuti da giovani che vivono con patologie neuropsichiatriche, e dedicato alla loro capacità di immaginare e vivere i luoghi. Le protagoniste inventate nel documentario, attraverso le voci, descrivono spazi reali e spazi mentali, creati attraverso il tempo, la luce e il colore. Disegnano superfici, modellano curve, pensano scale, gradini e grandi vasi in fiore. Le loro parole diventano disegni che scrivono la storia del loro spazio dove tutto incredibilmente trova posto e significato, come se qualcuno dall’alto avesse concesso loro di volare. Lo scopo di questo documentario è quello di far riflettere sulla costruzione degli spazi psichici e ripensare gli stessi a partire dall’uomo che li abita.


LINK |  www.aresfestival.it

 
archive/archivio
Last update July 5th 2011
research/ricerca-education/formazione-architecture/architettura-culture/cultura
 
 
 
  lalineabiancastudio Progetto MIIT
Cultura Professione Formazione Made in Italy

con il patrocinio della Regione Siciliana / whit the sponsorship of Regione Siciliana
Siracusa 13 maggio 2010 - Palazzo della Provincia - Sala Costanza Bruno

 

 
 
 
  lalineabiancastudio Progetto madein.it
Cultura e Design italiano: Oltre i limiti
.
con il patrocinio della Regione Siciliana / whit the sponsorship of Regione Siciliana
Siracusa 11 febbraio 2010 - Palazzo della Provincia - Sala Costanza Bruno

 

 
 
 
  lalineabiancastudio Corsi e Master Arredamento e Architettura Interni
Cultura e Design italiano: Oltre i limiti
.
con il patrocinio dell'Ordine Architetti Pianificatori Paesaggisti e Conservatori di Roma e Provincia
Roma-Berlino febbraio 2010

 

 
 
 
  lalineabiancastudio and Orlando Orlandini
Master Courses Jewelry Design

whit the sponsorship of Ordine Architetti PPC di Roma e Provincia
Florence-Rome February 2010

 

 
 
 
  lalineabiancastudio. Progetto La forma nella Materia
con il patrocinio dell'Ordine Architetti Pianificatori Paesaggisti e Conservatori di Roma e Provincia
Roma, 16 dicembre 2009 - Casa dell'Architettura all'Acquario Romano

lalineabiancastudio. The form whitin the material project

whit the sponsorship of Ordine Architetti PPC di Roma e Provincia

Rome december 16th 2009 - Casa dell'Architettura at the Acquario Romano 

LINK | www.casadellarchitettura.it
 

 

Copyright © 2013 lalineabiancastudio di Rosario Marrocco architetto  P.I. 07927471008 - All Rights reserved
web site by lalineabiancastudio 2013